DE | IT

Attività - molteplici compiti

Il nostro impiego principale consiste nel prestare servizio  di pronto intervento e servizio trasporto infermi su tutto il territorio.  Offriamo inoltre sostegno e aiuto ai bisognosi e ai socialmente  più deboli. Possiamo offrire questi servizi  soprattutto attraverso gli ambiti del soccorso umano  nell’emergenza e del telesoccorso-telesoccorso satellitare. 

L’ambito sociale deve essere intensificato e ampliato in tempi brevi.  Un’ulteriore parte dei servizi offerti dalla Croce  Bianca  sono il trasporto infermi per privati e assicurazioni,  i servizi sanitari e i gruppi di pronto intervento  per interventi di grande entità. I gruppi dei First  Responder della Croce Bianca, ancora giovani, ma in  rapida crescita, rappresentano poi un considerevole  potenziale per una migliore assistenza nei luoghi più  distanti. 

Nel campo della formazione, non esiste solo quella  mirata ai propri soccorritori, ma anche la miglior preparazione  possibile di una grande parte della popolazione  altoatesina relativamente al pronto soccorso  e alle misure salvavita. 

Il nostro lavoro con i giovani ha un enorme valore  per l’associazione. Il legame che si instaura precocemente  con l’associazione ci assicura di ottenere un  costante  afflusso di volontari.
Archiviazione del procedimento penale
Archiviazione di un procedimento penale pendente avanti il Tribunale di Bolzano

Dato che sull’argomento girano diverse informazioni e conclusioni, vorremmo spiegarvi brevemente i fatti. Come Croce Bianca siamo coinvolti solo indirettamente in quanto il collegio degli infermieri ha fatto un esposto presso il pubblico ministero in base a singoli episodi di sospetti abusi di competenze da parte di soccorritori, attaccando l’intero sistema di soccorso e chiedendo di procedere pen...almente contro i responsabili. Il Tribunale di Bolzano ora ha archiviato il procedimento penale con la relativa motivazione, dove sottolinea, che anche in base alla sentenza del Consiglio di Stato del febbraio 2014 la somministrazione di farmaci e l’applicazione di iniezioni è competenza infermieristica, mentre le attività ausiliarie, come la preparazione di farmaci su indicazione del medico, non costituiscono esercizio abusivo di una professione. Questa ripartizione delle competenze da sempre è stata sostenuta dalla Croce Bianca. In questo senso la sentenza del Consiglio di Stato sulle competenze dei soccorritori viene ulteriormente confermata, cosa che naturalmente accogliamo con molto piacere. Quello che forse ha creato confusione nella corrispondenza mediatica è stato quel passaggio, dove si conferma, che certe attività come l’eventuale somministrazione di farmaci a pazienti prima del 2014 non sono penalmente perseguibili, visto che il quadro normativo era incerto e non c’era il dolo da parte dei soccorritori. Noi come Croce Bianca anche prima del 2014 abbiamo sempre ribadito, che ai soccorritori non è consentita la somministrazione di farmaci.
Conclusione: Con l’archiviazione da parte del Tribunale di Bolzano le competenze dei soccorritori vengono ulteriormente confermate e rappresentati come già da anni li definiamo nelle nostre disposizioni e nei nostri programmi formativi. A questo punto sottolineamo ancora una volta, che i nostri collaboratori devono chiaramente attenersi alle disposizione interne dell’associazione.

Il Presidente
Dott. Georg Rammlmair

X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.