DE | IT

Telesoccorso satellitare

Molte persone desiderano, in caso d’emergenza o d’improvviso pericolo, essere localizzate precisamente solo premendo un pulsante e poter così facilmente e rapidamente essere rintracciate. Questo adesso è possibile anche fuori casa, in giardino, nei campi, durante un escursione e nel caso di limitazioni od impedimenti fisici.

Si tratta di un nuovo servizio della Croce Bianca, che integra il suo collaudato Telesoccorso. Il nuovo Telesoccorso satellitare infatti, dà l’allarme basandosi sulle informazioni ricevute tramite la rete GSM dei cellulari e localizza l’infortunato con il segnale satellitare. Mentre finora con il Telesoccorso questo era limitato al solo appartamento del cliente, con il nuovo servizio satellitare i segnali che partono dal cliente possono raggiungere la Centrale operativa della Croce Bianca da qualunque luogo.
Perciò il Telesoccorso satellitare è particolarmente interessante per chi vuole usufruire dei vantaggi del servizio di Telesoccorso e sentirsi al sicuro anche fuori casa, specialmente per i seguenti gruppi di persone: escursionisti, contadini, guardie forestali, cacciatori, sportivi, artigiani che devono operare da soli in situazioni pericolose, turisti e persone che, in talune circostanze, non sanno dove si trovano.

Come funziona il Telesoccorso satellitare?
Appena serve aiuto, si preme il tasto rosso sull‘apparecchio ed automaticamente si è collegati con la Centrale operativa, operante 24 ore su 24. Un collaboratore della centrale chiederà cosa serve e darà corso alle procedure di aiuto necessarie. Su richiesta possono essere informati anche i famigliari.
Al contrario di quanto avviene con il Telesoccorso per la casa, se non si fosse in grado di rispondere, la localizzazione avverrà tramite segnale satellitare, e cioè in modo molto preciso, così da poter inviare immediatamente gli aiuti, senza perdere tempo in azioni di ricerca.
Per richiedere un apparecchio di Telesoccorso satellitare basta chiamare l’Ufficio Telesoccorso a Bolzano. Se si vuole usare il Telesoccorso satellitare a casa, si riceve un piccolo trasmettitore, che si porta comodamente al collo.

La tariffa unica per l´attivazione e la consulenza per questo servizio costa 25 euro, la tariffa mensile 34 euro (41 euro con trasmettitore).

Questa tariffa comprende:
- aiuto immediato da parte di personale qualificato in caso d’allarme
- attività 24 ore su 24
- assistenza e manutenzione tecnica
- avviso a persone di riferimento in caso d’allarme
- servizio chiavi (affido sicuro delle chiavi di casa nella sezione più vicina, per raggiungerLa più facilmente in caso d’allarme a casa).

Il Telesoccorso satellitare della Croce Bianca è un servizio a carattere preventivo in grado di salvare vite umane. Non è di aiuto solo a chi lo usa, ma anche ai suoi cari, perché li tranquillizza. Parenti e amici così sanno che la persona è al sicuro. Le persone amate meritano tutta la sicurezza possibile.

Reparto TELESOCCORSO
Via Lorenz Böhler 3
39100 Bolzano
Tel 0471 444 327 (orario d‘ufficio)
Fax 0471 444 338
telesoccorso@wk-cb.bz.it
www.wk-cb.bz.it
Corso ANPAS per la protezione civile
Venerdì 12 settembre si sono ritrovati a Pontassieve (FI) in 145. Tanti erano i volontari di Protezione civile Anpas provenienti da tutte le regioni d'Italia, i quali hanno iniziato a frequentare un corso di formazione per creare altri formatori territoriali di protezione civile, suddivisi in formatori di base e formatori specifici.

64 ore totali di corso, suddivise in quattro fine settimana dai quali i volontari usciranno essendo a loro volta in grado di tenere corsi di formazione per il settore specifico seguito.
Un sistema di formazione a „cascata“, in precedenza già sperimentato e implementato dal movimento delle pubbliche assistenze, che permetterà di formare nel tempo un numero sempre maggiore di volontari, favorendo la capillarizzazione sul territorio.
Formare i formatori è la scommessa di Anpas per diffondere al meglio le competenze che i volontari in ambito di protezione civile devono conoscere e soprattutto condividere“, dichiara Fabrizio Pregliasco, Presidente di Anpas Nazionale. „Questa è la vera forza del movimento: la capacità di lavorare insieme ancor prima di conoscerci“.
Ad un progetto così ambizioso e rilevante, la Croce Bianca della Provincia di Bolzano non poteva che dare il pieno appoggio e la completa disponibilità, impegnando e sostenendo quattro dei propri volontari in un percorso tanto importante, quanto carico di favorevoli aspettative.
Con il benestare del capo servizio Markus Leimegger e con il pieno appoggio del capo sezione Hugo Terzer, dai gruppi di Egna e Bolzano della Sezione di Protezione Civile hanno preso parte alla prima sessione di corso i volontari Gabriella Proscia, Marco Zanotti, Vittorio Marcolla e Ferruccio Ruzzon.
Tutti loro hanno accettato di buon grado l‘onere di impegnarsi in questo percorso, mettendo a completa disposizione dei volontari di protezione civile Anpas di tutta Italia l‘esperienza accumulata negli anni e tra l'altro, anche l‘esempio di forte partecipazione al volontariato tipici della nostra associazione.
Sarà un percorso per nulla breve e soprattutto molto impegnativo, ma già dalle prime giornate di corso risultano chiare l¹entità e la rilevanza di un così consistente progetto; bisogna fare i complimenti ad Anpas per la realizzazione di una così importante intuizione“, dichiarano tutti quanti loro molto soddisfatti della prima sessione di lezioni e impazienti di poter partecipare alla successiva di ottobre.
Un particolare in bocca al lupo a loro quattro per i prossimi incontri Anpas e un grazie generale a tutta la sezione di Protezione Civile della Croce Bianca per il lavoro che svolge.
 
X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.