DE | IT

L’assistenza post-intervento

L’assistenza post-intervento

L’assistenza post-intervento si occupa principalmente  della rielaborazione di interventi pesanti e in tal modo contribuisce fondamentalmente alla salute e al benessere dei collaboratori nella CB. A livello regionale esistono i cosiddetti Peers (come vengono chiamate le persone espressamente formate per l’assistenza post-intervento) che sono colleghi di ugual livello, i quali offrono sostegno, attraverso colloqui, in seguito a interventi pesanti così come, su richiesta, accompagnano i soccorritori ai colloqui con gli psicologi specializzati nel campo dell’emergenza. 

Quali sono i miei compiti? 

»» rielaborazione di interventi pesanti
»» prevenzione nel caso di stress traumatico
»» alleviamento di reazioni traumatiche da stress negli interessati
»» sost. del benessere e della salute dei soccorritori 

Preparazione / Requisiti 

»» età minima: 28 anni
»» determinati moduli del livello di form. A della CB (24 ore)
»» formazione base per Peers (40 ore)
»» min. 3 anni di esp. acquisita durante gli interventi
»» contesto sociale stabile
»» patente di categoria B e patente di servizio
»» adempimento delle richieste e colloquio di idoneità con uno psicologo specializzato nel campo dell’emergenza 

Quanto tempo devo investire? 

»» Partecip. agli aggiornamenti obbligatori annuali
»» Partecipazione ai colloqui / agli incontri di gruppo (massimo 2 volte all’anno) 

Dove posso prestare servizio? 

»» Ovunque

Nuova formazione di cinque giorni dei soccorritori su pista
Il reparto formazione della Croce Bianca ha allungato la formazione dei soccorritori su pista di quest’anno da tre a cinque giorni. I formatori dei soccorritori su pista non sono solo personale interno, cioé istruttori della CB, ma anche istruttori dei maestri di sci  per le apposite nozioni ed il produttore delle motoslitte usate dal soccorso su pista. Per questa stagione invernale sono pronti a partire dodici nuovi soccorritori su pista appena formati.
Il soccorso su pista della Croce Bianca è in azione sulle piste da sci più importanti dell’Alto Adige, Plan de Corones, Schwemmalm, Monte Cavallo, Obereggen e Carezza, Speikboden e Klausberg. A parte le nozioni di primo soccorso i soccorritori su pista devono eccellere nello sci e nell’uso del toboga e della motoslitta.
Una seconda formazione con punto chiave sul test della discesa con gli sci verrá proposta in primavera 2016 per chi non ha avuto l’opportunitá di partecipare questa volta.
X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.