DE | IT
Digitalizzazione e comunicazione: le sfide della moderna gestione dei volontari
Il concetto della moderna gestione dei volontari dell’Associazione provinciale di soccorso funziona bene: 3.234 collaboratori volontari ed onorari si impegnano nei diversi ambiti lavorativi dell’associazione e solo l’anno scorso hanno svolto quasi un milione di ore lavorative.
Anche la strategia dell’acquisizione di nuovi volontari è vincente: 102 nuovi volontari all’anno sanciscono il trend positivo. Per essere pronti per le future sfide però è importante essere sempre pronti al nuovo ed essere informati sugli attuali sviluppi in materia. Un continuo scambio di opinioni con le organizzazioni partner nazionali ed internazionali è sempre in primo piano: così, ultimamente, i coordinatori dei volontari dell’associazione hanno partecipato al simposio per i volontari, della Croce Rossa austriaca a Seefeld.
Il simposio di quest’anno, con oltre mille coordinatori di volontari e funzionari di tutta l’Austria e dell’Alto Adige, si è occupato delle tematiche future “Digitalizzazione, comunicazione e trends”. Rinomati relatori keynote ed esperti nei campi della digitalizzazione, dell’online-volunteering e dei social media hanno parlato in workshops paralleli.
La Presidente della Croce Bianca Barbara Siri si è dimostrata impressionata dall’iniziativa e ha lodato la collaborazione transfrontaliera:. „I collaboratori volontari sono il nostro più grande capitale. A questo livello cerchiamo continuamente di crescere. Per questo motivo ci guardiamo volentieri attorno e cerchiamo lo scambio con i nostri partner in Italia e all’estero.”
Siri vede il coinvolgimento di lavoro volontario a breve termine e a progetto, come una sfida speciale per il futuro. Qui si tratta di capire gli interessi delle nuove generazioni e di integrarle con successo nell’organizzazione. „Il mezzo dei socials va benissimo per incentivare all’impegno per il volontariato. Con immagini accattivanti e un‘informazione serrata sulle nostre attività possiamo attrarre giovani per il nostro servizio di volontariato“, dichiara Siri.
Ma il primo contatto poi è quello personale e viene svolto dai coordinatori in loco. „Qui è indispensabile la comunicazione tra le persone, e anche nel futuro questa sarà l’elemento più importante nella gestione dei volontari”, sottolinea la Presidente durante la discussione finale del simposio.
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.