DE
I First Responder di Terento entrano in servizio
01.06.2021
La rete dei First Responder della Croce Bianca sta diventando ancora più stretta con il nuovo gruppo di Terento in Val Pusteria. Questa è la quattordicesima unità di questo gruppo di primi soccorritori dell'Associazione Provinciale di Soccorso, che possono fornire rapidamente e con competenza un primo soccorso nelle periferie della nostra provincia. Il gruppo di Terento entrerà in servizio il 1° giugno e sarà da subito attivo 24 ore su 24. Tali gruppi possono essere istituiti solo in aree in cui, in caso di emergenza, sia necessario attendere almeno 20 minuti per l'ambulanza più vicina. Il servizio First Responder è un progetto congiunto tra i Vigili del Fuoco Volontari e il Servizio di Soccorso e di Medicina D'urgenza del Servizio Sanitario dell'Alto Adige.
 
I quasi 30 soccorritori volontari hanno completato a brillantemente la loro formazione: ora sono pronti per affrontare gli interventi quotidiani, che possono variare dal trattamento di semplici tagli e indisposizioni a gravi incidenti stradali e rianimazioni. Naturalmente i soccorritori sono ben equipaggiati - compreso un defibrillatore semiautomatico (DAE). Nel bacino di utenza dei Vigili del Fuoco Volontari di Terento, i volontari sono allertati direttamente dalla centrale di emergenza provinciale in caso di emergenza. I veicoli sono messi a disposizione dai Vigili del Fuoco di Terento. Il nuovo gruppo appartiene alla sezione di Brunico dell'Associazione Provinciale di Soccorso Croce Bianca.
"Siamo lieti che oggi il quattordicesimo gruppo di primo soccorso inizi ufficialmente il suo servizio", dice Barbara Siri, presidente della Croce Bianca. "Da un lato, questa è la prova che i cittadini delle zone remote vogliono prendere il primo soccorso nelle proprie mani. E d'altra parte, la cooperazione tra Croce Bianca, i Vigili del Fuoco Volontari e il Servizio di Soccorso e Medicina D'urgenza testimonia la buona integrazione e collaborazione del sistema di soccorso altoatesino". Il direttore Ivo Bonamico coglie l'occasione dell'entrata in servizio di questo nuovo gruppo per riflettere sul 2020 appena passato: "In totale, i nostri gruppi di primo soccorso sono usciti 283 volte nell'anno precedente", dice. "Le emergenze mediche hanno fatto la parte del leone con 168 chiamate - seguite dagli incidenti ricreativi con 41 chiamate e dalle emergenze pediatriche con 16 chiamate". Ci sono state 315 chiamate nel 2019, e 345 nel 2018. Il calo delle chiamate dell'anno precedente era dovuto al fatto che durante la prima ondata di coronavirus, questo servizio di primo soccorso è stato disattivato per alcune settimane per proteggere i volontari dal virus e per preparare i gruppi alla pandemia, sottolinea il direttore Bonamico.
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.