DE | IT
​Più visibile e più sicuro sulla strada - grazie al nuovo desigin
13.01.2020
Più visibile e più sicuro sulla strada - grazie al nuovo design

Fin dalla sua fondazione nel 1965, la Croce Bianca è stata uno dei pilastri del servizio di soccorso dell'Alto Adige. Ancora oggi l'associazione gestisce circa il 90% del servizio di soccorso e trasporto infermi nella provincia di Bolzano. Per decenni i veicoli di soccorso di colore bianco-arancio sono stati onnipresenti sulle strade dell'Alto Adige e la loro colorazione era profondamente radicata nella percezione della popolazione. Tuttavia, gli adesivi sono rimasti invariati negli ultimi 20 anni. Ora un nuovo design offre maggiore sicurezza e una "vernice" moderna. 

Da oltre due anni, un gruppo di lavoro appositamente costituito si occupa di progettazione di veicoli e ha elaborato un progetto per la riprogettazione dell'intero parco veicoli. L'obiettivo era quello di combinare funzionalità, visibilità e aspetto con le esigenze di una moderna organizzazione di soccorso. Qui è importante sottolineare che in Italia ci sono chiare condizioni legali per la comparsa delle ambulanze. Questi devono essere soddisfatti per poter essere omologati come veicolo di emergenza. Ad esempio, la superficie deve essere bianca per almeno il 60% e il veicolo deve avere una striscia arancione che corre ininterrottamente su tre lati della carrozzeria. La larghezza minima della striscia è di dieci centimetri per le ambulanze e di 20 centimetri per i mezzi di trasporto di soccorso. Si stabilisce inoltre che la stella di soccorso blu "Star of Life" deve decorare ogni lato del veicolo e non può essere più piccola di 21 centimetri. Questo è stato un punto di partenza che, pur fornendo una linea chiara, non intendeva limitare ulteriormente il processo creativo nel nuovo sviluppo del design. L'impegno è stato stimolato dal fatto che una modifica di legge nell'ambito dell'UE consente anche combinazioni di colori supplementari per i veicoli di emergenza in Italia.  

Per dare allo sviluppo un approccio innovativo e indipendente, il lavoro è stato svolto a più livelli: Da un lato, due agenzie sono state invitate a sviluppare un concetto di design olistico per l'intera flotta. Contemporaneamente è stato avviato un progetto di ricerca con la Facoltà di Design della Libera Università di Bolzano. Il tema è stato sviluppato nell'ambito di una tesi di laurea e si concentra sulla percezione, la funzionalità e l'estetica dei veicoli di emergenza negli spazi pubblici. Dopo l'intenso lavoro di preparazione del gruppo di lavoro, nella primavera del 2019 sono state presentate tre bozze di progetto. Per consentire una valutazione pratica delle bozze, la Croce Bianca ha fatto incollare e mettere in servizio tre veicoli di prova per un periodo di tempo limitato. La valutazione si è basata su tre fattori principali:

- Sicurezza (massima visibilità nel traffico stradale di giorno e di notte, da fermo e in movimento);
- Funzionalità (la complessità dell'applicazione, la durata e la sostituibilità delle varie superfici delle pellicole, l'adesione senza tensione e una piccola area di attacco per gli elementi adesivi durante il lavaggio dei veicoli);
- L'estetica (il valore di riconoscimento come veicolo della Croce Bianca, l'attrattiva emotiva per i dipendenti e la popolazione e la coerenza con le uniformi).

Per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento, il consiglio di amministrazione dell'associazione ha voluto chiedere il parere dei dipendenti.A tal fine, le tre bozze sono state presentate per la votazione su un sito web interno e ogni dipendente ha potuto esprimere il proprio voto.Sebbene il risultato del sondaggio d'opinione sia stato proclamato non vincolante per la decisione del consiglio di amministrazione, c'è stato finalmente un accordo.Dopo aver considerato tutti i fattori di valutazione, il top management ha finalmente deciso il progetto che aveva ricevuto il maggior sostegno dalla maggior parte dei circa 3.500 volontari e più di 400 dipendenti.Questi sono stati i progetti del designer altoatesino Thomas Mittermair, che si era già fatto un nome in passato nel campo del design della mobilità e del trasporto pubblico.Oltre al feedback positivo dei dipendenti, l'alto livello di funzionalità grazie all'etichettatura intelligente, l'aspetto della sicurezza grazie agli elementi gialli e il buon collegamento con l'abbigliamento operativo sono stati tutti valutati positivamente. Intelligente perché il numero ridotto di bordi e angoli dell'adesivo fornisce poca superficie per il processo di lavaggio quotidiano e le pellicole adesive sono disposte in moduli di grandi dimensioni, in modo che in caso di danni alla carrozzeria si debbano ricucire solo le rispettive parti. L'aspetto della sicurezza è stato raggiunto soprattutto grazie ai motivi di colore giallo aggiuntivi, che, anche se non a rovescio, sono ancora visibili.

Questo articolo è stato pubblicato anche sulla rivista "Rettungsdienst - Zeitschrift für präklinische Notfallmedizin", Nr.1/2020 (S+KVerlag Germania) . L'autore è Markus Trocker, responsabile del marketing e della comunicazione presso il Landesrettungsverein Weißes Kreuz. Foto di David Ceska. 
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.