DE
Croce Bianca: record di soci nonostante la pandemia
28.05.2021
Oggi, 28 maggio, l'Associazione Provinciale di Soccorso Croce Bianca ha tenuto la sua 56a assemblea generale. Oltre alla revisione dell'anno più intenso nella storia dell'associazione, è stato presentato un nuovo record di 136.431 membri sostenitori. Il leggero calo degli interventi di soccorso nel 2020, a causa della pandemia, è stato compensato dai nuovi servizi di supporto offerti alla popolazione altoatesina nell'anno del coronavirus.
 
Dopo lo scoppio della pandemia nel febbraio 2020, la Croce Bianca si è inizialmente concentrata nel garantire le due attività principali dell'associazione: E così 54.653 interventi di soccorso e 101.669 trasporti infermi hanno potuto essere ancora gestiti l'anno scorso. Una grande sfida finanziaria è stato l'acquisto di materiale protettivo per il personale. Questa era una misura fondamentale per garantire il servizio. Per la presidente Barbara Siri, è stata la decisione giusta: "Anche se l'acquisto del materiale ha messo a dura prova le casse dell'associazione, ci ha permesso di proteggere efficacemente il nostro personale e i pazienti".
Nei mesi successivi alla pandemia, la Croce Bianca ha potuto avviare altri importanti servizi per la popolazione. Per esempio, il servizio spesa ha gestito quasi 1.500 acquisti per persone malate ed anziani e quasi 2.000 ore di volontariato hanno contribuito ai servizi di assistenza in varie strutture per anziani.
"I volontari sono sempre stati il caposaldo della Croce Bianca, quindi è ancora più gratificante che siamo stati anche in grado di registrarne un notevole aumento durante l'anno della pandemia", sottolinea la presidente Barbara Siri. Che 406 nuovi volontari si unissero subito all'associazione è stata una sorpresa per tutti. In totale, la Croce Bianca contava 3.651 volontari nelle sue fila al termine dello scorso anno. Su un totale di quasi 1,7 milioni di ore, i nostri volontari hanno contribuito con più di 920.000.
Anche il direttore Ivo Bonamico ripercorre un anno tumultuoso a livello esecutivo. L'acquisto di materiale di protezione e la perdita di servizi chiave hanno creato grandi sfide. "In definitiva, sono state le donazioni della popolazione e della comunità imprenditoriale, le nostre misure di risparmio dei costi e l'aggiunta di servizi per conto del azienda sanitaria, che ci hanno permesso di finire l'anno finanziario 2020 con solo un leggero deficit".
È stato particolarmente gratificante, nell'anno della pandemia, raggiungere un nuovo picco di membri. La Croce Bianca ha registrato un totale di 136.431 membri sostenitori nell'ultimo anno. "Questo è un segno importante dell'appoggio e del sostegno della popolazione all'Associazione Provinciale di Soccorso", ha detto Siri.
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.