DE

La storia della sezione di Bassa Atesina

All’inizio degli anni Settanta si era alla ricerca della possibilità di costruire una filiale della Croce Bianca nella Bassa Atesina. Il 23 marzo 1971 l’allora Sindaco di Egna Alois Mock, Hugo Seeber, Robert Zanotti e colui che in seguito ne divenne il caposezione, Guido Furlan, fondarono la prima sezione a Egna. Dopo alcuni anni divenne chiaro che a lungo andare sarebbe stato impossibile assistere, oltre a Egna, anche tutti gli altri Comuni; pertanto, si giunse all’idea di dare vita a una sede distaccata a Salorno. Quasi esattamente 18 anni dopo, il 22 marzo 1989, fu suggellata la fondazione di una sede a Salorno e furono messi a disposizione due mezzi per interventi di soccorso. Nel 1994, sempre nel mese di marzo, fu la volta della fondazione della sede distaccata di Ora, equipaggiata con tre veicoli, ma che purtroppo tre anni dopo, nell’autunno 1997, venne di nuovo chiusa. L’edificio che in quegli anni ospitava la sede potè continuare a essere utilizzato dalla Croce Bianca che ne fece un’abitazione per prestatori del servizio civile, in uso fino alla fine del 2001. Nonostante la chiusura di una sede distaccata si volle tentare di dare la possibilità ai giovani di entrare a far parte della Croce Bianca Bassa Atesina e, stando agli atti, nel 1997 iniziarono i preparativi per la fondazione di un gruppo giovani della Croce Bianca.
L’affluenza di volontari e singole volontarie fu tale, che la sede allora esistente divenne troppo piccola; pertanto, il 2 dicembre 1999 si posò la prima pietra dell’attuale sede della sezione Bassa Atesina, nel Centro di protezione civile. Trascorse del tempo prima che, agli inizi del 2002, la costruzione fosse pronta per il trasloco non solo della Croce Bianca ma anche dei Vigili del Fuoco Volontari di Egna e del Corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico (CNSAS). L’inaugurazione ufficiale del Centro di protezione civile “Guido Furlan” ebbe luogo l’8 giugno 2002. Nel 2005 fu istituito il Supporto umano nell’emergenza Bassa Atesina. Dopo lunghi colloqui, nel 2010 si decise di separare la sezione Bassa Atesina dalla sede distaccata di Salorno. Si passò così dalla sede distaccata a una sezione a se stante.
La sezione Bassa Atesina serve oggi otto Comuni diversi: Egna, Tarmeno, Cortaccia, Ora, Montagna, Trodena, Anterivo e una parte di Aldino. In questo bacino d’utenza abitano tra le 17.000 e le 18.000 persone.
Inoltre, nel 2014 è stato fondato il gruppo dei First Responder, in collaborazione con i Vigili del Fuoco Volontari di Redagno, che lavorano attivamente al fianco della sezione.
Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.