DE | IT

69 volontari, 8 dipendenti, 16 membri del gruppo giovani, una persona che presta servzio civile, una persona che presta servizio sociale e 2 soci onorari formano la sezione di Val d´Adige che venne costituita il 14. maggio del 1989. Tra i soci risultano anche i membri della squadra dei truccatori. Il parco automezzi è composto da un’ambulanza di soccorso e due ambulanze per il trasporto infermi.

La zona d´intervento della sezione consiste in:
  • Andriano
  • Grissiano
  • Chiusa
  • Meltina
  • Nalles
  • Prissano
  • Salonetto
  • Terlano
  • Frassineto
  • Vallesina
  • Vilpiano

Contatto

La storia della sezione

La sezione Val d’Adige fu inaugurata il 14 maggio 1989 da Georg Huber di Klaus di Terlano, Karl Kofler di Settequerce, Norbert Eccli di Andriano e Meinhard Streiter di Terlano in un’abitazione privata di Vilpiano, dal momento che circolavano voci che la Croce Rossa (CRI) fosse intenzionata a costruire una struttura di primo soccorso a Terlano. Georg Huber fu incaricato dalla centrale di Bolzano di assumere la direzione della sezione. Poiché in quel periodo i soccorritori erano esclusivamente volontari, fu messo a disposizione un solo mezzo d’intervento per coprire i servizi notturni efestivi.
Nel primo anno dalla fondazione erano già 16 i volontari in servizio. Nell’agosto1989 furono poi assunti due soccorritori Martin Pichler (“foca”) di Nalles e Otto Flunger di Andriano e così si era pronti a intervenire giorno e notte.
Il 14 maggio 1990 Georg Huber fu eletto ufficialmente caposezione, seguito da Norbert Eccli, il 2 luglio 1992. Nel novembre 1992, assieme alla colonna di sussistenza dell’allora colonna della sanità… leggere di più

Galeria

Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.